Oggi è l’Earth Overshoot Day: le risorse naturali del pianeta sono finite

Il nostro fabbisogno ha già esaurito risorse e beni che la Terra è in grado di fornirci annualmente. Dal 14 agosto consumiamo a debito, depauperando la Terra e le generazioni future. Va sempre peggio.

italia-di-notte-dalla-iss1
in foto: L’Italia di notte vista dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Mentre economie, popolazioni e domanda di risorse energetiche aumentano, la Terra resta sempre la stessa.

Earth Overshoot Day 2015.
Oggi è l’Earth Overshoot Day, ossia il giorno in cui l’umanità ha consumato tutte le risorse energetiche e i beni ecologici che la Terra è capace di rigenerare in un anno. Detta altrimenti, è la data in cui abbiamo consumato le risorse che avremmo dovuto esaurire in un anno. Nel 2015 l’Earth Overshoot Day è oggi, 13 agosto. Nel 2014 fu il 19 agosto e nel 2013 il 21. Insomma, andiamo sempre peggio.

Per capire il significato di questo giorno, bisognerebbe immaginare il mondo da domani, ossia dal momento in cui, esaurite le risorse dell’anno, non se ne possono consumare altre. Dal 14 agosto non correrebbe energia elettrica, non ci sarebbe più alcuna luce e gli appartamenti refrigerati dal condizionatore conoscerebbero finalmente il caldo dell’estate. Non si avrebbe più alcun accesso al gas, né a qualsiasi altro combustibile, con conseguenze drammatiche sulla produzione. Insomma, torneremmo ad uno stile di vita primitivo.

GF_WithDates_081115

Ed invece possiamo consumare le risorse del futuro. E’ per questo motivo che, sebbene oggi si siano esaurite le risorse dell’anno, continueremo comunque a godere di tutti i confort della società moderna. Sottrarremmo energia e capacità produttiva dei campi alle generazioni future, anticipando di anno in anno l’Earth Overshoot Day. A dispetto dell’urgenza del problema, tradurre i buoni propositi enunciati a livello politico in una strategia comune di riduzione dei consumi appare più difficile di quanto ci si possa attendere. O – meglio – affrontare di petto il problema è più difficile dell’alternativa: scaricare i danni sulle generazioni future.

Cosa rischiamo e cosa fare?
GFN_EOS_infographic_v5
in foto: Invertire la rotta è possibile.
L’umanità avrebbe bisogno di oltre una Terra e mezzo (precisamente 1,6) per poter rispondere alla propria fame di energia e beni naturali senza depauperare il pianeta. Gli italiani, invece, necessiterebbero di 3,8 “Italie”. L’ultima volta che l’impronta ecologia della nostra specie era sostenibile dal pianeta Terra correva l’anno 1970. Allora l’umanità contava circa 3,5 miliardi di persone, contro le oltre 7 di oggi. Se il trend dovesse restare immutato per il 2030 saranno necessarie due Terre per rispondere al fabbisogno energetico della nostra specie, ma la rotta potrebbe essere invertita se solo le emissioni  di carbonio fossero ridotte del 30%. In questo modo nel 2030 l’Earth Overshoot Day cadrebbe il 16 settembre. Certo, sarebbe ancora poco ma segnerebbe un’inversione di rotta in un contesto demografico in crescita. Un risultato che oggi – nonostante i grandi risultati in tema di energie rinnovabili – appare ancora lontano.

Precedente 8 panorami imperdibili dei Caraibi Successivo Piedi che puzzano? Scopri come prevenire i cattivi odori in 10 mosse